Italy
1

790
points earned by our 200 teams

Impronta idrica anche nelle pizzette che consumiamo a merenda
Posted by Gli Autonomi, Italy on 19 January 2018
Post related to L'acqua che mangiamo, Secret Water

Tutti sappiamo che l’acqua è un bene molto prezioso. Il nostro corpo è composto principalmente d’acqua e senza di essa non potremmo vivere. 

Oggi abbiamo studiato che sulla terra la quantità di acqua (mari, fiumi, laghi, falde acquifere, nuvole e pioggia) è costante, ma l’acqua pulita non è un bene inesauribile, e la sua equa gestione a livello globale dovrebbe garantire a tutti la disponibilità dell’acqua necessaria; purtroppo non tutti gli abitanti del nostro pianeta hanno l’acqua a cui avrebbero diritto.

Ciascuno di noi quotidianamente consuma molta più acqua di quello che crede. Ad esempio, per preparare un’insalata non usiamo solo l’acqua che ci è servita per lavarla; prima di arrivare nelle nostre mani quell’ortaggio è stato coltivato, quindi per la sua produzione è servita altra acqua.

A ben vedere, ogni nostra attività richiede un consumo di acqua e genera la cosiddetta “impronta idrica”.

L’impronta idrica di un individuo, di una comunità o di un’azienda è il volume totale di acqua dolce utilizzata per produrre i beni e i servizi consumati da quell’individuo, comunità o impresa.

I vestiti, i giocattoli, i telefoni cellulari, il cibo… tutto lascia un’impronta idrica, nella quale si rispecchia lo stile di vita di un Paese: un hamburger di 150 g prodotto in Olanda ha un’impronta idrica di 1000 litri; in molti altri paesi, come l’Italia, lascia un’impronta doppia!

Secondo questo modello, ciascuno di noi divora mediamente 3500 litri d’acqua ogni giorno, più del 90% dei quali nascosto nel cibo. E’ acqua invisibile, impalpabile ma fa sentire i suoi effetti, perché tra tutte le nostre necessità, il cibo è il maggior responsabile di consumo idrico.

Due fette di pane, ad esempio, hanno un’impronta idrica di 40 litri d’acqua, un’arancia di circa 50 litri e una mela di 70. Un grande hamburger di soia da ½ kg ha un’impronta di circa 600 litri d’acqua, mentre quella di ½ kg di pollo è di 1.100 litri.

Persino l’acqua potabile ha una sua impronta idrica, quella di un solo bicchier d’acqua corrisponde a ben 475 litri!

Addirittura, in una bistecca da ½ kg si nasconde un’impronta di oltre 6000 litri, accumulatisi durante tre anni di vita di un manzo che ha consumato cibo e acqua.

Con le 6000 bottiglie d’acqua da un litro che corrispondono a una sola bistecca da ½ kg, potremmo costruire un muro largo 8 metri e alto 15.

E’ come se ogni giorno venissero eretti milioni di enormi muri d’acqua virtuale, molti dei quali non dovrebbero neanche esistere! Sì, perché circa un terzo (!!!) del cibo prodotto nei paesi più sviluppati viene sciupato o addirittura gettato via. Quanta acqua pura sprecata!

Se ciascuno di noi sprecasse di meno e regolasse il proprio consumo di carne rossa, magari seguendo la dieta mediterranea, molta più acqua pura sarebbe disponibile e sarebbe più facile per ogni abitante della Terra disporne equamente!




Local Partner InEuropa

InEuropa Srl is an Italian Ltd providing information and services with ability and professionalism with the aim of sensitizing public and private bodies on policies and programmes of the European Union, to elaborate projects and supply anyone is interested in Community opportunities with technical assistance. InEuropa has been founded in January 2006 by experts that for more than 20 years have been working on Community projects and subjects aimed at supporting public and private bodies and associations in the access to Community financial opportunities.

Water Explorer is supported by the
HSBC Water Programme
Water Explorer is a Global Action Plan initiative
in association with
28.00 MB